Acquisto Prodotti      Contatti      Area Clienti      English Site
image
 
Home
     
Acquisto Prodotti Tipici      Enogastronomia      Agriturismo      Itinerari Turistici      Grumentum  
 
           
  Grumentum
     
Anfiteatro
 
 
»  Scavi archeologici
»  Museo Nazionale
»  Teatro Romano
»  Anfiteatro
»  La battaglia di Annibale
 
Matera2019
 
Newsletter
Invia questa pagina
 Cerca
Stampa
 
Agriturismo Parco Verde
Contrada Spineta, 50
85050 Grumento Nova (PZ)
Basilicata - Italy
 
Tel. +39 333 5724074
>> Email
 
   

Anfiteatro

Tra i più antichi anfiteatri in muratura (seconda metà del I sec. a.C.), l’imponente struttura si conserva in un ottimo stato, in una posizione periferica dell’area urbana, e rimase in uso fino al V sec. d.C.

L’Arena di Grumentum: misura, geometria, forma
Caterina Balletti, Francesco Guerra, Micol Pllon, Luisa Sartorelli Università IUAV di Venezia - CIRCE - Laboratorio di Fotogrammetria
balletti@iuav.it, guerra2@iuav.it, pillmi@libero.it, lusarto@yahoo.it
 

Anfiteatro Romano

imageLe attività svolte negli ultimi anni nel settore dei beni culturali hanno mostrato come sia necessario integrare differenti metodi e strumenti di analisi al fine di ottenere un apparato conoscitivo del nostro patrimonio architettonico completo sua sotto l’aspetto geometrico che materico e figurativo. La ricerca condotta sull’anfiteatro di Grumentum (Basilicata) vuole dimostrare come l’ipotesi di ricostruzione di un luogo non più visibile sia il risultato finale di un percorso di studio che ha adottato tre fondamentali strumenti per la conoscenza dell’architettura: la misura, la geometria e la forma.

La misura: per predisporre un apparato conoscitivo appropriato, si ricorre all’uso integrato di laser scanner 3D, tecniche di fotogrammetria digitale ed gps, al fine di ottenere un modello numerico che documenti lo stato di conservazione dell’architettura. Data la complessità riscontrabile in un sito archeologico, il rilievo diventa non solo studio della città e delle architetture ma anche un “contenitore” multiscala per la catalogazione delle emergenze, in un suo uso strumentale alle discipline archeologiche.
La geometria: sulla base dei dati di rilievo, sono state quindi effettuate tutte le verifiche geometriche a partire dallo studio delle curve che hanno generato la forma dell’arena sino alla definizione del modulo geometrico che è leggibile nei singoli elementi che compongono l’edificio. La forma: l’integrazione delle informazioni fornite dalle precedenti analisi e il confronto con altri esempi di anfiteatri vicini all’arena di Grumentum, sia dal punto di vista temporale che da quello spaziale, hanno permesso di formulare un’ipotesi riscostruttiva dell’arena tenendo conto quindi anche delle tecniche e dei modi del costruire degli antichi.
Il modello infografico così ottenuto rappresenta uno strumento di conoscenza e di memoria di un luogo ormai non più fruibile aprendo non solo nuove possibilità di studio ma anche la possibilità di nuovi canali di divulgazione del nostro patrimonio culturale.
Negli ultimi anni l’aggettivo numerico o digitale che sempre più spesso accompagna i termini rilievo e rappresentazione non fa altro che sottolineare come l’evoluzione che si è avuto negli strumenti e nelle metodologie abbia inevitabilmente imposto un approccio diverso nel settore della conoscenza e documentazione del patrimonio culturale.

Tra le varie esperienze in atto, molte hanno lo scopo di studiare, approfondire e sviluppare l’integrazione di tecniche per il rilievo dimensionale e la ricostruzione 3D di luoghi e oggetti con particolare attenzione agli aspetti metrologici del problema, mediante il confronto tra metodi di rilievo “tradizionale” e quelli di recente applicazione. In particolare recentemente si è assistito ad un rapido sviluppo di tecnologie di scansione 3D per la conoscenza di forme anche ad alta complessità morfologica, sviluppo che ne ha affermato l’efficacia come metodo per l’analisi e la conservazione dei Beni Culturali.

Il rilievo del sito di Grumentum (Basilicata), caso studio individuato nel progetto di ricerca “Sistemi di rilievo e modellazione tridimensionali per l’architettura e l’archeologia. Integrazione di tecniche laser scanning e fotogrammetriche per la realizzazione di modelli 3D multiscala mappati” (PRIN04, coordinatore nazionale prof. Carlo Monti), si colloca all’interno di quelle attività sperimentali che hanno lo scopo principale di definire dei protocolli e delle specifiche di rilievo e di modellazione, sperimentando i più recenti strumenti nel campo della documentazione della forma e del colore e studiando delle forme di rappresentazione alternative o complementari a quelle tradizionali.

L’unità di ricerca veneziana ha voluto studiare modelli 3D con superfici mappate per la rappresentazione di un’area archeologica con le sue emergenze architettoniche, sia come registrazione dello stato di fatto (modello geometrico) sia come supporto delle analisi che vari operatori possono realizzare cercando inoltre di individuare delle linee guida per il rilievo finalizzato alla realizzazione di modelli multiscala di siti archeologici, in cui sia possibile il passaggio dalla rappresentazione dell’intero sito, a quella dei singoli monumenti, a quella dei particolari.

Risulta evidente l’importanza della georeferenziazione, risolvibile nell’inserimento di sistemi locali in sistemi “meno locali “dove il “localismo” non è dato da differenti sistemi di coordinate ma da una differente incertezza delle coordinate, in funzione delle possibili risoluzioni del modello di ogni determinato oggetto. Si è trattato quindi di trovare il modo di gestire in modo unitario oggetti che contengono altri oggetti, rispettando la tradizione e i canoni della rappresentazione architettonica e archeologica.


Le campagne di rilievo agosto 2005-2006

Le procedure di rilevamento seguite sono state finalizzate all’integrazione dei dati laser-scanning e quelli fotogrammetrici in particolare per le parti orizzontali (a terra, scavate o corrispondenti ai crolli). Per questo la rete di inquadramento dell’intero sito si è composta in realtà in due schemi: uno composto di 12 vertici sviluppato nell’area del foro secondo la direzione del decumano e l’altro di 5 vertici distribuiti attorno e all’interno dell’anfiteatro. Alcuni dei vertici delle due reti sono stati rilevati anche con misure GPS per assicurare la realizzazione di un unico datum. La rete a terra è stata realizzata con total station Leica TCA 2003, mentre quella GPS con Leica GPS System 500 e GPS1200. La rete complessiva, compensata ai minimi quadrati, ha fornito la posizione dei vertici con sqm massimi di 3mm. Anche i punti di appoggio al rilievo fotogrammetrico sono stati rilevati sia con misure topografiche (Leica TCR1103 e TCRM 1103) da terra che GPS in modalità RTK.
 
image
 
Si sono inoltre ottimizzate le scansioni e le prese per il rilievo delle strutture in elevazione presenti, seguendo e integrando quanto normalmente in uso nei rilievi architettonici. Nel caso di un sito archeologico diventa di particolare interesse la realizzazione di un modello digitale attraverso un DEM da terra mediante laser-scanner e delle prese aeree calibrate da pallone frenato.
Le scansioni da terra devono garantire di ottenere un modello denso e uniforme nella risoluzione di tutte le superfici. Il laser-scanner in dotazione al laboratorio è il modello LMS-Z360i della Riegl integrato con camera digitale pre-calibrata Nikon D100 (con ottica 20mm). Si tratta di un sensore terrestre portatile, adatto all’acquisizione veloce di immagini tridimensionali di buona qualità anche in presenza di difficili condizioni ambientali. Il sistema, integrando fotogrammetria e laser scanning, rappresenta una delle migliori soluzioni tecniche oggi disponibili in grado di soddisfare tutte le esigenze di rilievi laser scanner terrestri. Nelle aree di maggior interesse le scansioni sono state fatte cercando di assicurare la maggiore ortogonalità alla superficie, accorgimento necessario, assieme alla ridondanza dei dati, per la riduzione del noise nella nuvola, oltre che un’omogenea distribuzione dei punti. Le nuvole (corrispondenti a 30 scansioni con passo 0.05°) sono state allineate sulla base di punti di appoggio rilevati topograficamente e punti di legame distribuiti nell’area di scansione. La precisione sugli allineamenti è inferiore a 1cm. Per garantire un’elevata risoluzione nelle immagini, per le parti a terra o a sviluppo orizzontale si è ricorso alla fotogrammetria da pallone. E’ noto come la fotogrammetria ha un ruolo fondamentale nel settore della tutela del patrimonio culturale come metodo di rilievo e di documentazione dettagliata della struttura degli oggetti. In particolare l’utilizzo di ortofoto o di fotopiani e
diventato comune, in particolare in campo archeologico, proprio per la possibilità di offrire degli strumenti di analisi non solo metrica ma anche “materica”: la vista dall’alto con la qualità di un’immagine fotografica ad alta risoluzione permette di leggere ciò che da terra non si vede. Soprattutto nel caso di un rilievo archeologico siamo costretti ad abbandonare quei riferimenti preferenziali che normalmente usiamo in architettura (direzione verticale e piani orizzontali che corrispondono agli schemi costruttivi architettonici): non ci sono più architetture ma frammenti di architettura che molto spesso risultano essere in parte nascosti da strati di terra. La lettura dall’alto aiuta la comprensione della composizione architettonica di un luogo.
 
image
 
Nel caso di Grumentum, la fotogrammetria ha avuto il compito di fornire gli elaborati su cui basare la lettura multisacala “sito-monumento-traccia”. La risoluzione delle immagini doveva quindi assicurare una precisione non solo metrica ma anche descrittiva a più livelli di dettaglio e per questo si è optato per eseguire delle riprese fotogrammetriche “non convenzionali”. Come si è visto anche in altre esperienze di rilievo di luoghi archeologici, la ripresa da aereo è spesso sostituita da riprese fatte da elicottero, pallone, o altri dispositivi di elevazione, in considerazione delle dimensioni dell’area da ricoprire e delle condizioni ambientali.

All’interno delle ricerca si è pensato di studiare l’utilizzo di palloni frenati per l’esecuzione di riprese fotogrammetriche con camere digitali calibrate ad alta risoluzione, in quanto risulta essere uno dei metodi sicuramente meno invasivi e più controllabile. Il sistema era composto da un aerostato a fuso sostenuto a elio, vincolato con dei cavi per il controllo da terra e un sistema radiocontrollato per l’acquisizione delle immagini.

Al pallone è stata collegata una piattaforma orientabile per la camera digitale, una Fuji S3 (12 Mpixel) con ottiche 50 e 20mm calibrate, su cui è stata installata anche una telecamera per la trasmissione a terra delle immagini corrispondenti agli scatti eseguiti. Vista l’estensione delle aree (foro e anfiteatro) il volo è stato progettato per ottenere delle immagini in scala 1:50-1:100. I limiti del sistema sono legati fortemente alle condizioni di vento in cui ci si trova ad operare, non tanto per la definizione della traiettoria da seguire per ottenere delle strisciate quanto per la quota di volo: si era pensato di effettuare le riprese da quote variabili da 50m a 20m per avere delle risoluzioni diverse, ma la quota massima di volo è stata attorno ai 30m per una maggiore stabilità e controllo del pallone.

Nella seconda campagna di misure (agosto 2006) sono state eseguite delle integrazioni con delle riprese dell’area archeologica fatte da piccolo aereo da turismo biposto da una quota di 200m. Nonostante l’aereo non fosse specificatamente attrezzato la fotogrammetria (in quanto si è trattato di un superleggero) è stato comunque possibile realizzate delle strisciate quasi nadirali che hanno proposto il consueto schema di rilievo fotogrammetrico.

La realizzazione delle ortofoto del sito si è basata sull’utilizzo del DEM denso ottenuto dai dati laser scanner e i fotogrammi acquisiti da pallone. Le scale nominali vanno dalla rappresentazione 1:200-1:100 per l’intera area fino ad arrivare alla scala 1:50 per i singoli monumenti. I problemi principali incontrati sono quelli noti: errori in corrispondenza delle discontinuità (break-lines) e delle zone defilate (aree nascoste). Il primo problema è risolvibile lavorando sul DEM, integrando le alcune zone d’ombra delle scansioni con punti rilevati topograficamente, mentre il secondo usando più immagini orientate per garantire una copertura fotografica il più completa possibile.

Geometria

Gli antichi Romani amavano la simmetria, intesa non tanto come equivalenza delle parti di una figura rispetto ad uno o più assi, quanto piuttosto come un insieme organico di numeri, misure e proporzioni. Vitruvio ha sempre sostenuto questo concetto esplicitando al meglio il proposito della simmetria, convinto, nello stesso tempo, che non si debba considerare l’architettura come un qualcosa di astratto, bensì come un’attività concreta che si deve adattare alla natura stessa del sito e misurare con le necessità umane.

In particolar modo, parlando di un edificio come un anfiteatro, diverse sono state le metodologie proposte nel corso degli anni. Ad esempio, Mark Wilson Jones, studioso di architettura romana che ha recentemente raccolto in un saggio la maggior
parte delle ipotesi fatte sul disegno che sta alla base degli anfiteatri1, propone di ricercare innanzitutto la forma della pianta, sia essa un’ellisse o un ovale, e da questa ricostruire l’intero processo che ha determinato la costruzione dell’intera struttura attraverso l’uso di rapporti proporzionali e geometrici. Questo tipo di analisi, però, andrebbe a sminuire, se non a perdere totalmente, l’oggetto fondamentale del nostro studio: il rilievo.

Grazie proprio al dato certo ricavato dal rilievo, possiamo effettivamente valutare quale fosse il confine tra la ricerca teorica della perfezione geometrica e la realizzazione di questa all’interno di un edificio in muratura. A partire quindi da un’analisi critica dei dati, è stato possibile restituire due curve che descrivessero in modo esaustivo sia il profilo interno dell’anfiteatro che quello esterno, prestando particolare attenzione agli elementi non manomessi. Grazie infatti all’integrazione delle diverse metodologie di rilievo, è stata realizzata una planimetria in cui è possibile riconoscere tutti i resti dell’anfiteatro: dalle parti in alzato tutt’ora visibili (dati editati dalla nuvola dei punti laser scanner), sino alle tracce dei setti ormai scomparsi (dati ricavati dalla realizzazione dell’ortofoto).

Lo studio si è quindi sviluppato secondo il seguente schema:
- i punti di ogni singola curva sono stati interpolati con ellissi ed ovali a 4 e 8 centri di rotazione,andando a valutare l’SQM di ogni singola figura;
- dai dati precedentemente ricavati, è stata nuovamente effettuata un’interpolazione dei punti con ovali a 4 e 8 centri di rotazione mantenendo però fissi i centri di rotazione, i triangoli generatori e la rotazione degli assi, per poter valutare la posizione dei centri di rotazione per il tracciamento della figura in fase di cantiere;
- è stato individuato il più probabile coefficiente di trasformazione metro/piede romano;
- si esegue quindi una verifica delle convergenze radiali dei setti dell’edificio rispetto ai centri di rotazione degli ovali;
- la pianta viene ridisegnata, controllando tutti i rapporti geometrici sulla base della costruzione precedentemente verificata;

Una volta in sito, si procede al confronto tra i dati ottenuti e l’edificio.
 
image
 
I risultati ottenuti dall’interpolazione delle curve e dallo studio della convergenza dei setti, hanno mostrato come sia più plausibile pensare che entrambi i profili, quello esterno e quello interno, siano stati tacciati seguendo lo schema dell’ovale a più centri di rotazione piuttosto che quello dell’ellisse. Quindi, una volta stabilito il coefficiente di trasformazione metro/piede che ha permesso di determinare la dimensione iniziale dei due assi, è stato identificato nell’Anfiteatro di Grumentum uno schema modulare tripartito, valido per il dimensionamento della pianta (3 moduli da 30 piedi ciascuno) e per l’alzato (3 moduli da 15 piedi ciascuno), sviluppato dal modello del triangolo pitagorico.

A confermare questa ipotesi è stata poi la simulazione in sito, con la quale è stato possibile verificare la congruenza tra lo schema geometrico e l’edificio stesso. Infatti, avendo sempre lavorato nello stesso sistema di riferimento del rilievo, sono stati materializzati a terra i quattro centri di rotazione precedentemente calcolati e da questi è stato nuovamente tracciato il profilo interno della cavea: ciò ha permesso di riscontrare una effettiva aderenza tra modello e costruito.

Caratteri compositivi e costruttivi dell’anfiteatro di Grumentum

L’anfiteatro di Grumentum, benché sia una struttura situata in un insediamento di modeste dimensioni, presenta la maggior parte degli elementi che caratterizzano i grandi anfiteatri di età imperiale. L’arena si presenta come una struttura priva di ambienti ipogei. Circoscrivente l’arena, si trova un corridoio anulare ricoperto con una pseudo volta a botte. Esso, identificabile in alzato solo nella parte occidentale, costituiva l’elemento portante del podio di cui se ne riconoscono le tracce.

La struttura portante è caratterizzata da due differenti sistemi costruttivi. Nella parte occidentale, il sistema sostruttivo è definito da vani riempiti di rinterro costituenti strutture distinte di compartimentazione con ambienti ciechi, non accessibili dall’esterno; nella parte orientale identifichiamo una struttura completamente differente, composta da setti autoportanti. Al di sopra di tali setti la struttura continuerebbe con delle pseudo volte a botte tronco coniche che, a loro volta, sorreggono le gradinate. Nella parte occidentale, le gradinate appoggerebbero direttamente sui vani compartimentati. Edifici che presentano questo particolare sistema sostruttivo sono l’anfiteatro di Cassino e di Castra Albana. Allo stato attuale non è riscontrabile la presenza di gradinate. Ipotizziamo però che la cavea fosse caratterizzata da un solo meandro; dove è possibile distinguere il podio, separato dalle gradinate da un probabile praecintos e da un corridoio antecedente le gradinate stesse.

Attenzione viene poi rivolta all’apparato distributivo, dove i percorsi per il pubblico sono ben distinti da quelli utilizzati per lo svolgimento degli spettacoli. I gladiatori accedevano all’arena dagli ingressi principali posti sull’asse maggiore o dal corridoio anulare interno che era suddiviso in due braccia alle quali si aveva accesso proprio dalle aperture poste sull’asse maggiore. Nella parte occidentale, l’accesso al corridoio avviene da un unico vano raggiungibile dall’esterno, mentre è possibile entrare, nella parte orientale, grazie a nove arcate poste sul muro perimetrale esterno.

I percorsi per il pubblico erano distinti in accessi alle gradinate e accessi al podio. Nel caso di Grumentum è stato possibile identificare nella parte interna quattro corpi scala, visibili ancora oggi, adiacenti agli ingressi principali. Dall’analisi delle parti che compongono l’anfiteatro si presuppone che questi fossero costituiti da due rampe: la prima per il podio, la seconda porterebbe alle gradinate.

Disposti a raggiera, nella parte orientale dell’anfiteatro, si riconoscono tre setti di spessore maggiore corrispondenti, probabilmente, alle scale esclusivamente destinate al podio. L’accesso a quest’ultimo, ad occidente, avveniva in quota differente da due ingressi posti sul muro perimetrale esterno. Visibili oggi solo in parte, esse si compongono di due rampe convergenti sul pianerottolo posto al di sopra delle arcate d’ingresso. Queste, dalle quote rilevate, porterebbero ad una quota minore rispetto a quella necessaria per raggiungere le gradinate da noi ipotizzate. In corrispondenza del pianerottolo esterno, ci sarebbe quindi un’ulteriore sistema di risalita interno al muro perimetrale, fondamentale per ottenere la quota definita.

Le coppie di scalaria, presenti anche nella parte occidentale in corrispondenza delle entrate dal declivio naturale, vengono riprese nella parte orientale in prossimità degli accessi appena descritti. Parallellamente al muro perimetrale esterno supponiamo esserci un corridoio anulare continuo per il collegamento sommitale dell’intera cavea. Un tipo simile di accesso è stato riconosciuto, in particolar modo, nell’anfiteatro di Pompei, da noi rilevato, e negli anfiteatri di Carsulae e di Paestum.
 
image
 
La ricostruzione digitale

La modellazione 3D ed il conseguente rendering fotorealistico, occupano un settore decisamente ampio per ciò che riguarda l’applicazione della tecnologia informatica alla risorsa archeologico-storica con la funzione principale di facilitare la comprensione di un luogo e evidenziare le relazioni tra i singoli elementi che lo compongono. Tra le possibili rappresentazioni, i modelli tridimensionali con superfici mappate con texture fotorealistiche ad alta risoluzione sono sicuramente di grande versatilità, nell’ottica di fornire una banca dati che documenti lo stato attuale del sito e fornisca la possibilità di interpretare lo stato originario e le successive trasformazioni dei monumenti ancora visitabili.

Nel caso di Grumentum, si voluto fornire sia delle rappresentazioni tridimensionali dello stato attuale del luogo - principalmente attraverso superfici 3d (mesh) ricavate dai dati lidar texturizzate con le immagini calibrate ad alta risoluzione dove la qualità descrittiva e metrica del modello è data dalla somma della componente geometrica e dalla componente raster applicata: nei modelli multirisoluzione mappati quindi si deve bilanciare la componente geometrica e quella raster in ragione del mantenimento delle caratteristiche metriche e semantico-percettive dettate dalla scala nominale della rappresentazione - che una ricostruzione 3D dell’immagine originaria.

In particolare il lavoro di modellazione si è concentrato sull’anfiteatro, monumento che da un punto di vista architettonico permette di affrontare delle analisi geometrico-spaziale più interessanti, basandosi su un approccio tipologico comparativo con altri esempi. La difficoltà principale è quella di modellare la realtà rilevata con tutte le sue “deviazioni” da una geometria rigida, per mantenere la precisione dei dati di partenza, e su questa “ri-progettare”, studiando tutti gli elementi costruttivi e distributivi che caratterizzano questa tipologia architettonica, la forma dell’anfiteatro.

A partire dai dati laser (circa 3 milioni di punti) si è ottenuto un modello triangolato ( circa 1.85milioni di facce) utilizzato
come base geometrica per l’estrazione di profili fitti da utilizzare nella modellazione solida (la difficoltà maggiore è modellare i crolli della struttura). Il modello solido dello stato attuale è stato quindi texturizzate con le immagini raddrizzate dei fronti verticali e con l’ortofoto per i piani pseudo-orizzontali (le immagini presentano una dimensione del pixel al reale di 1cm).

Dato che l’anfiteatro poggia parte della cavea su un declivio, il modello del terreno è stato ottenuto per triangolazione dei dati laser. La mesh, opportunamente processata, è stata poi trasformata in una superficie nurbs modificabile per assicurare un livello di smussatezza e continuità tra le patch che in un DTM a maglia non si può avere. La geometria nurbs permette inoltre di garantire una continuità e congruenza geometrica con il modello della parte architettonica.
 
image
 
In base ai dati raccolti e alla loro interpretazione si è fatta una ricostruzione filologica dell’anfiteatro che rappresenta sia il recupero della memoria di un luogo (i siti archeologici sono luoghi a molti invisibili!) sia uno strumento di conoscenza e di comunicazione che può essere impiegato in diversi settori scientifici. Assumendo quindi il punto di vista dell’architetto di fronte ad una azione di ricostruzione (ri-progettazione)di un’architettura antica, sono stati esplicitati alcuni fondamentali punti secondo i quali doveva essere realizzato il modello dell’arena di Grumentum:
• la congruenza geometrica del modello alle informazioni oggettive derivanti dal rilievo strumentale;
• la congruenza “costruttiva” del modello in riferimento alle tecnologie degli antichi, ovvero derivare la forma dell’oggetto studiato da un’effettiva possibilità costruttiva sulla base della lettura strutturale dello stato attuale;
• la congruenza formale rispetto alle indicazioni di confronto tipologico. Quello che si è voluto restituire con il modello finale digitale non è tanto l’immagine dell’architettura che un tempo esisteva, quanto piuttosto una trasposizione in tre dimensioni delle informazioni dirette e indirette ottenute dalle varie forme di analisi che passo dopo passo hanno supportato le scelte operate.

Note
1_Mark Wilson Jones,“Designing Amphiteatres”, Bollettino dell’Istituto Archeologico Germanico, sezione romana, Vol.100, 2003, pag. 344-391; 2_In riferimento agli studi fatti dal prof C.Trevisan contenuti in Disegnare, “Colosseo:Studi e Ricerche”, n° 18-19, Gangemini Editore, Roma, 1999;

Bibliografia
F.Guerra, C. Balletti, Rilievo con laser scanner 3D:applicazioni per la conoscenza dei beni culturali, in “Laser scanner terrestre”, a cura di F. Crosilla, S. Dequal, Udine, CISM, 2006, ISBN 88-85137-19-9 F. Guerra, C. Balletti, A. Adami, 3D multiresolution representations in archaeological sites, in Proceeding of CIPA 2005 XX Internationa al Symposium “International cooperation to save the word’s cultural heritage”, Torino, 26 settembre – 01 ottobre 2005.
C.Balletti, F. Guerra, J. Riegl, N. Studnicka, Pratical comparative evaluation of an integrated hybrid sensor based on photogrammetry and laser scanning for architectural representation, in ISPRS, International Archives of Photogrammetry and Remote Sensing", Commission V, ISPRS XX Congress, Istanbul, Turchia, 12-23 luglio 2004. D. Borra, Sulle verità del modello 3d. Un metodo per comunicare la validità dell’analistilosi virtuale, in atti del Workshop E-ArCom04 “Tecnologie per comunicare l’architettura” tenutosi ad Ancona, 20-22 maggio 2004.
 
 
         
  © agriturismoparcoverde.it    
Contatti    Acquisto Prodotti Tipici    Area Clienti    Privacy Credits: basilicatanet.com